ASSOCIAZIONE LE MAGNOLIE

Benvenuti nel sito dell’Associazione Le Magnolie.

Il nostro obiettivo è quello di incoraggiarvi a valutare un viaggio nella Repubblica Popolare Democratica di Corea (la cosiddetta Corea del Nord). Se cercate nelle liste dei luoghi più pericolosi in cui viaggiare questo paese non c’è. Si può anzi considerare uno dei luoghi più sicuri al mondo per un viaggiatore straniero. Molti pensano che non si possa visitare, che si debba escludere a priori dalle possibili mete per un viaggio nel lontano Oriente. Ma non è così. La Corea del Nord è aperta al turismo internazionale 365 giorni l’anno.

E’ in questa prospettiva che vorremmo darvi elementi oggettivi e di prima mano per pensare a un viaggio alla scoperta del paese meno visitato al mondo. E diverso da tutti gli altri. Un paese dove non circolano automobili private. Dove non si produce spazzatura se non in quantità sostenibili. Dove la pulizia e l’igiene dei luoghi sono considerati imprescindibili. Dove esiste ancora il silenzio. Dove esistono ancora il buio ed i cieli stellati. Dove le persone  (a prescindere dal genere) camminano tenendosi per mano e speso si accarezzano mentre si parlano. Dove tutti hanno casa, lavoro, istruzione e assistenza sanitaria gratuiti per tutta la vita. Dove si investe in cultura una quota del P.I.L. inimmaginabile per i nostri paesi “avanzati”. La cui capitale, Pyongyang, ha il record mondiale di metri quadrati di verde per abitante. Dove voi stessi, testimoni preziosi e non banali turisti di massa, potrete fare le vostre scoperte e le vostre considerazioni, da riportare qui in Italia, direttamente, con la vostra voce.

Un paese dove non mancano visitatori di molti paesi (asiatici, europei del centro-nord, canadesi, australiani, persino statunitensi – fino al divieto trumpiano) ma ne vanno pochissimi dall’Italia,  primo paese occidentale ad allacciare relazioni diplomatiche con Pyongyang nell’anno 2000.

Tutto nasce dall’esperienza sorprendente di un viaggiatore italiano nel Settembre 2017. Il passaggio brusco dalla (ir)realtà televisiva alla realtà di un bellissimo Paese abitato da 25 milioni di bambini, donne e uomini,  ricco di infrastrutture turistiche, musei e bellezze naturali di ogni tipo.

La promessa fatta a un ragazzo di Pyongyang, guida in italiano a corto di italiani, di tornare presto e in buona compagnia…  Ed eccoci qua, pronti a tornare insieme a voi nella parte settentrionale dell’antichissimo Regno di Koryo.


REPORTAGE FOTOGRAFICO Corea del Nord SETTEMBRE 2019 (163 immagini) relativo al primo viaggio di gruppo organizzato dall’Associazione Le Magnolie. 

SELEZIONE FOTOGRAFICA Corea del Nord SETTEMBRE 2019 (34 immagini) relativa al primo viaggio di gruppo organizzato dall’Associazione Le Magnolie.


Visitare la Corea del Nord – informazioni utili e luoghi comuni da sfatare

“UN’ESPERIENZA CHE NON HA EGUALI AL MONDO”

Pubblichiamo, ringraziando l’autore che ha voluto condividerle con noi, un estratto delle riflessioni di Giulio Chinappi dopo un viaggio in Corea del Nord. Le stesse riflessioni le trovate in forma di diversi articoli all’interno del Blog dell’autore: https://giuliochinappi.wordpress.com/. Giulio Chinappi fa ricerca sociale sul campo in Vietnam, paese dove vive da molti anni. Ha pubblicato due libri sulle religioni e sul sistema educativo vietnamiti. Si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori.


Viaggiare in Corea del Nord: informazioni utili

chinappi-giulio

Quando si parla della Repubblica Popolare Democratica di Corea – nota ai più come Corea del Nord – sono ancora oggi fin troppi i luoghi comuni che si sentono ripetere all’infinito. Possiamo dire senza tema di smentita, infatti, che si tratta dello Stato più sconosciuto, incompreso e vilipeso del mondo. Proprio per questo, organizzare un viaggio in Corea del Nord – anche solamente come turisti – è davvero un’ottima idea per comprendere meglio di cosa si sta parlando, lasciandosi alle spalle ogni pregiudizio ed osservando con i propri occhi un Paese che, con le sue peculiarità, è certamente diverso rispetto a qualsiasi altro luogo del pianeta.

Nel corso della visita nel Paese, il viaggiatore straniero sarà sempre accompagnato da una guida nordcoreana, ma questo non deve essere visto come un segno di limitazione della libertà: la guida locale è presente soprattutto per spiegare e per evitare incomprensioni con le persone locali, vista la grande barriera culturale e linguistica che può persistere. Nonostante il turismo sia in crescita, la maggioranza dei nordcoreani non sono infatti abituati a rapportarsi con gli stranieri, dunque la presenza delle guide – che generalmente parlano le lingue straniere in maniera molto fluente – serve ad evitare spiacevoli incomprensioni. Non ci sono vere e proprie limitazioni di movimento, tranne quella di seguire il proprio itinerario o il proprio gruppo (nel caso di una visita di gruppo), ma le guide sono generalmente disponibili a fare strada ai visitatori in caso di richieste particolari.

Come anticipato, le guide nordcoreane sono generalmente molto preparate e professionali, conoscono perfettamente la storia del proprio Paese e parlano correttamente una o più lingue straniere. Naturalmente, i pareri da loro espressi rifletteranno la visione ufficiale del governo di Pyongyang, ma non proveranno in nessun modo a convincervi o a cambiare le vostre opinioni. Si possono porre domande o avere conversazioni con le guide, chiaramente sempre nel rispetto reciproco: i nordcoreani non chiedono agli stranieri di abbracciare le convinzioni locali, ma solamente di rispettare le differenze, la cultura ed i convincimenti del luogo.

Uno dei miti più ricorrenti riguardanti la Corea del Nord è il rischio di essere incarcerati e condannati alle pene più severe per infrazioni di poco conto. Innanzi tutto, va detto che la Corea del Nord è uno dei luoghi più sicuri al mondo, con una criminalità quasi inesistente. Per il turista straniero, l’unica cosa da tenere a mente è il rispetto delle regole che le guide ripeteranno più volte quando se ne presenterà l’occasione. Si tratta, come in ogni altro Paese del mondo, semplicemente di non infrangere le leggi locali, che in alcuni casi possono essere molto diverse da quelle dei Paesi occidentali. In realtà, le autorità nordcoreane non hanno nessun interesse a creare una crisi diplomatica con un altro Paese per via di una infrazione minore di qualche regola: in questo caso, infatti, saranno le guide locali ad essere considerate responsabili per non avervi informato o tenuto d’occhio in maniera adeguata. Il discorso naturalmente non vale in caso di gravi crimini penali, per i quali eventualmente si risponderà in prima persona.

Prima di intraprendere un viaggio in Corea del Nord, gli stranieri sono dunque invitati ad informarsi adeguatamente sul Paese attraverso fonti attendibili e testimonianze dirette, lasciandosi però alle spalle gli inutili allarmismi che si possono trovare sui mass media. La regola più importante è il rispetto nei confronti dei tre leader del Paese, il Presidente Kim Il-Sung, il Generale Kim Jong-Il ed il Maresciallo Kim Jong-Un, e nei confronti di ogni immagine che li raffiguri. Tuttavia, non si tratta poi di un grande sforzo: così come quando visitiamo un luogo di culto di una religione che non ci appartiene dobbiamo rispettare le divinità e le regole del luogo, allo stesso modo entrare in Corea del Nord significa accettare di mostrare rispetto nei confronti dei leader e di tutto il corollario di regole che ne consegue. Chi ha intenzione di infrangere tali regole è meglio che ne resti fuori, così come sarebbe invitato a restare fuori chi volesse entrare con le scarpe in una moschea; tutti gli altri, invece, saranno benvenuti ed accolti in maniera molto cordiale, per vivere un’esperienza che non ha eguali nel mondo.

Viaggiare in Corea del Nord:

alcuni luoghi comuni da sfatare

All-focus
All-focus

Sono davvero tanti i miti ed i luoghi comuni che circondano la Corea del Nord, riguardanti da una parte gli stranieri che vi si recano e dall’altra i nordcoreani stessi. Per chi fosse intenzionato a viaggiare nel Paese, sarà fondamentale liberarsene il prima possibile, anche perché la maggioranza di questi non riflettono assolutamente la verità, o magari ne forniscono versioni caricaturali o esagerate.

Uno dei primi miti dei quali si può verificare la falsità è quello della presunta impossibilità, per gli stranieri, di interloquire con i cittadini locali. La cosa è totalmente falsa, infatti, sia in treno che in aereo (i due modi possibili per entrare in Corea del Nord dalla Cina) vi troverete già in contatto diretto con tanti nordcoreani, che non si tireranno indietro di fronte ad un possibile colloquio, ammesso che conoscano l’inglese o la vostra lingua madre. Lo stesso accade poi all’interno del Paese, dove lo straniero, oltre che con le guide turistiche e lo staff dell’aeroporto, avrà modo di interagire con negozianti o anche comuni cittadini a seconda delle occasioni. Vi potrà capitare di partecipare ad iniziative pubbliche o ad eventi sportivi, di andare al supermercato, di prendere i mezzi pubblici o addirittura di entrare in una casa nordcoreana. Naturalmente, si potranno presentare delle difficoltà a causa delle barriere linguistica e culturale, ma avrete sempre la vostra guida ad aiutarvi in caso di necessità. Il modo migliore per mescolarsi con i nordcoreani è quello di partecipare ad eventi particolari come i festeggiamenti del Primo Maggio, i famosi Giochi di Massa – lo spettacolo più partecipato al mondo secondo il Guinness dei Primati – o la maratona di Pyongyang. In generale, comunque, i nordcoreani sono molto cordiali con gli stranieri e felici di sapere che vi sono persone interessate a visitare il loro Paese, del quale sono molto orgogliosi. Allo stesso tempo, sono persone molto riservate e rispettose, quindi cercano sempre di mantenere una certa compostezza nelle relazioni, sia con gli stranieri che con i propri connazionali.

Vi sono poi numerose false credenze riguardanti quello che si potrebbe portare o meno in Corea del Nord: i controlli, va detto, ci sono e possono sembrare più severi rispetto a quelli della maggioranza degli altri aeroporti internazionali, ma in realtà non sono così terribili come potrebbe sembrare. Molti oggetti possono essere tranquillamente introdotti nel Paese dopo una breve verifica da parte dello staff dell’aeroporto. E, anche nel caso in cui dovesse esservi confiscato qualcosa, non c’è nulla da temere: non incorrerete in nessuna sanzione, e l’oggetto in questione vi verrà restituito prima della vostra partenza da Pyongyang.

Andando più nel dettaglio, è importante sottolineare che possono essere portati in Corea del Nord quasi tutti gli apparecchi elettronici, anche se questi non funzioneranno. Possono essere introdotti telefoni cellulari, computer, tablet, lettori mp3, lettori ebook, registratori vocali, videocamere, macchine fotografiche, etc… ma naturalmente non sarà possibile connettersi a internet o utilizzare il proprio telefono (salvo acquistare una sim card locale), visto che in Corea del Nord vengono utilizzate reti e frequenze diverse rispetto al resto del mondo.

Altre precisazioni importanti riguardano la possibilità di scattare foto o girare video: al contrario di quello che si crede, è assolutamente possibile produrre foto e video, ed in una settimana di permanenza si può arrivare a scattare diverse centinaia di foto. L’importante è non scattare foto di militari o di siti in costruzione, visto che in Corea del Nord i soldati lavorano anche nell’edilizia. Per il resto, saranno le guide a dirvi quando astenervi dal fotografare qualcosa, in particolare in occasione dei posti di blocco o di alcuni musei nei quali sono vietate le foto. Infine, va ricordato che i nordcoreani non sono abituati all’abuso di foto e selfie che invece vediamo tutti i giorni nei Paesi occidentali: per un nordcoreano, l’essere fotografato è un evento importante, per questo è necessario chiedere il permesso prima di scattare una foto in primo piano ad una persona locale. Si possono naturalmente scattare foto di passanti, ma se volete fotografare una persona in particolare è bene non farlo a sorpresa, in quanto questa ci terrà ad essere avvisata ed a mostrarsi in una posa elegante e dignitosa. Per quanto riguarda le fotografie dei leader, infine, è importante fotografare sempre l’intero corpo delle statue, senza tagliarne nessuna parte, non fotografare le statue da dietro e prende sempre all’interno della foto entrambi i leader quando Kim Il-Sung e Kim Jong-Il sono rappresentati insieme.

Vanno sfatati, poi, i miti riguardanti gli abiti: i nordcoreani ci tengono particolarmente ad apparire sempre in ordine e vestiti in maniera sobriamente presentabile, ma è possibile indossare praticamente qualsiasi capo: jeans, magliette, pantaloncini, etc… Solamente in alcuni luoghi di particolare importanza per la cultura nordcoreana, come le statue dei leader o il mausoleo degli stessi, vi sarà richiesto in anticipo di vestire in maniera più formale del solito, come forma di rispetto nei loro confronti. L’unica limitazione riguarda gli abiti raffiguranti alcune bandiere di Paesi ritenuti ostili (Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone) o di magliette che rechino slogan politici o scritte oscene.

Infine, alcune voci di corridioio affermano che in Corea del Nord sarebbe vietato introdurre e consumare alcool: nulla di più falso, infatti è possibile introdurre qualsiasi forma di alcool, che è anzi molto apprezzato dalle persone locali. La bevanda alcolica più consumata nel Paese è la birra, che viene prodotta localmente in diverse qualità e che sicuramente merita di essere provata dai visitatori. Come in qualsiasi parte del mondo, il bere insieme è un ottimo modo per rompere il ghiaccio e conoscersi meglio, ed il sedersi attorno ad un tavolo con un po’ di birra può permettervi di creare ottimi rapporti con le vostre guide o magari di conoscere altre persone del posto.

Viaggiare in Corea del Nord:

capire un Paese ed un popolo

All-focus

Affrontare un viaggio in Corea del Nord presuppone una grande apertura mentale nei confronti tutto ciò che si avrà di fronte ai propri occhi. Per avere una visione il più possibile oggettiva di questo Paese, è necessario innanzi tutto cancellare dalla mente tutti i pregiudizi che possono essere stati accumulati in anni di sottoposizione alla feroce propaganda mediatica operata dai mezzi di comunicazione di massa occidentali, e rinunciare a guardare il Paese ed il suo popolo attraverso il filtro della propria cultura di appartenenza. Questa operazione, in realtà, andrebbe fatta nei confronti di qualsiasi Paese del mondo, ma diventa ancora più importante nel caso della Corea del Nord. Solamente in questo modo, sarà possibile comprendere a fondo le ragioni dei nordcoreani, trasformando quelle che possono essere generalmente presentate come assurdità in fatti piuttosto logici alla luce del contesto storico, politico e culturale nordcoreano.

Questo non significa che non esista la propaganda politica, ma non siamo certo noi nella posizione di poterla condannare, vista la costante propaganda a favore del mondo capitalistico occidentale che ci viene propinata continuamente attraverso il bombardamento dei mass media. Detto questo, è fondamentale comprendere che il Presidente Kim Il-Sung è colui che ha guidato la lotta del popolo coreano contro la colonizzazione giapponese fino alla fine della seconda guerra mondiale, nonché il fondatore della Repubblica Popolare Democratica di Corea e colui il quale ha difeso il Paese nel corso della guerra contro gli Stati Uniti ed il governo filostatunitense della Corea del Sud. In pratica, i nordcoreani, che conoscono alla perfezione la storia del proprio Paese, sanno che, senza il Presidente Kim-Il Sung ed i suoi successori, e senza il ruolo fondamentale svolto dal Partito del Lavoro di Corea (조선로동당, Chosŏn Rodongdang) la Corea del Nord oggi neppure esisterebbe sulla cartina geografica mondiale.

Il grande sentimento di appartenenza ed orgoglio nazionale, tuttavia, non deve far pensare che i nordcoreani siano di per sé chiusi nei confronti delle culture straniere. Le persone locali, al contrario, sono ben felici di accogliere i visitatori interessati a conoscere la loro terra, ed allo stesso tempo amano conoscere le lingue e le culture degli altri Paesi, sempre nel mutuo rispetto. L’importante è non presentarsi con una visione “occidentalocentrica”, ovvero con la volontà di contaminare la cultura locale con quella globalizzata, o peggio ancora con la presunzione di “aprire la mente” ai nordcoreani, atteggiamento che in realtà non fa altro che dimostrare la propria chiusura mentale nei confronti delle differenze. [foto e testo di Giulio Chinappi]

chinappi2

chinappi1

GLI APPUNTI DI GIACOMO

Appunti di viaggio in Corea del Nord

Il treno da Pyongyang a Pechino ci regala un ultimo scorcio della Corea del Nord che sembra – vista la sua velocità e la luce del giorno – un lunghissimo piano sequenza cinematografico che ci gustiamo attraverso il finestrino.

Abbiamo tutti probabilmente un groppo in gola che attraversato il confine diventerà un senso di straniamento oltre quel fiume che a nord della penisola coreana, separa due mondi più che due Paesi, una sensazione che come una specie di medicina a lento rilascio, tornati “nel migliore dei mondi possibili”, difficilmente ci abbandonerà.

Alterno lo sguardo al finestrino, allo scambio di impressioni con i miei compagni e compagne di viaggio come abbiamo fatto durante in tutti questi giorni, alle ultime pagine del libro che mi ha accompagnato per queste vacanze: “La Lunga Marcia” di Agnes Smedley, una corposa e avvincente biografia del comandante dell’Armata Rossa cinese Chu Teh (oggi Zhe De seguendo l’attuale translitterazione) prima della rivoluzione del 1949, libro che ho letto avidamente durante i nostri continui spostamenti in bus e che concluderò il giorno successivo, ormai in Cina prossima al 70° anniversario della Repubblica Popolare, nella nostra comoda cuccetta a quattro.

Attraverso i vetri dei finestrini i campi prevalenti si alternano ai centri abitati, in ideale continuità con l’osservazione fatta in questi densissimi giorni lungo i costanti tragitti in bus dalla capitale alle altre città e luoghi che abbiamo visitato, da Kaesong a sud – posta sotto il 38° parallelo – a Myohyang incastonata su splendide montagne patrimonio UNESCO; da Wonsang sita sul mare, dove abbiamo degustato un ottimo pranzo di pesce e passeggiato sul lungomare, alla località montana del Masyk Ryong a poca distanza; dalla città costiera e portuale di Nampho a poca distanza dall’imponente costruzione ingegneristica del West Sea Barriage – probabilmente uno dei prodotti più encomiabili della sforzo collettivo coreano – ai dintorni della capitale dove sorge l’aereoporto.

Nei campi: soia, riso e frumento la fanno da padrone, ma anche gli alberi da frutto – meli in particolare – non mancano, potati esattamente come li taglia mio padre nel suo orto.

Anche i canali di irrigazione che dividono i campi in rettangoli, talvolta affiancati da fiumi e attraversati da strade in terra,  le persone si muovono a piedi ed in bicicletta, sono messi a coltivo, mentre lungo le strade aiuole fiorite conferiscono un gradevole senso di cura e bellezza alle lingue d’asfalto che attraversano il Paese.

La terra è bassa”, dicono i contadini dalla regione da cui provengo, e guardando il lavoro nei campi ricordo l’amore di mio nonno materno, Armando, quando si curava del piccolo pezzo di terreno nell’entroterra romagnolo, posto sotto la casa che si è costruito – ex muratore immigrato in Lussemburgo – con i sassi del fiume portati su insieme a mia nonna con la carriola.

E come se lo vedessi là in mezzo a quei contadini, lui che non sapeva né leggere né scrivere, ma che avrebbe trovato senz’altro il modo per comunicare perché anche lui “figlio della terra”; lo vedo li in mezzo con la sua figura imponente dare il “verde rame” tramite quella pompa manuale che qui ho rivisto, in un salto indietro nel tempo che è in realtà una proiezione verso il futuro.

Qui è visibile la stratificazione della fatica umana sulla terra, nel tentativo di trovare un rapporto armonioso con la natura, utilizzando in maniera fruttuosa lavoro e genio umano per “dominare l’acqua” e rendere sicuri e salubri i luoghi di vita e di lavoro.

Un esperimento che tenta di lasciarsi alle spalle gli effetti negativi di una concezione agronomica che in molte parti del mondo, con il suo mix di fertilizzanti e pesticidi, ha sterilizzato ed avvelenato la terra oltre l’uomo, e che tuttora da noi si perpetua introducendo tra l’altro gli OGM per legare chi vive dei prodotti della terra ai magnati dell’agro-business.

Vogliamo parlare dei braccianti ridotti a schiavi nelle nostre campagne, per fornire un paragone tangibile che permetta di comparare le diverse condizioni di una attività umana, da una parte il lavoro cooperativo e dall’altro il servaggio?

Quella “transizione ecologica” paventata in Occidente, qui sembra pratica quotidiana. Certo, si tratta anche di fare necessità virtù per carenza di mezzi, a giudicare dalla scarsa meccanizzazione e dall’età dei trattori visti, ma lo juche coreano ha sviluppato una risposta originale che coniuga la piena occupazione con il controllo della terra e la produzione agricola, per soddisfare innanzitutto i bisogni della propria popolazione ed in second’ordine per l’esportazione, secondo la strategia di una autosufficienza alimentare che costituisce la base per ogni modello di recupero della propria sovranità, dovrebbe essere oggetto di studio e non di denigrazione.

Ci colpisce il fatto che il fusto della pianta del granturco non venga sradicato, ma tagliata la pannocchia a mano, i legumi piantati ai piedi di questo salgano cingendolo servendosi di questo tutore naturale, simile all’ascesi al cielo delle piante di zucca che ornano i tetti delle case basse, dove seccano i chicchi mais, in un continuum che rende i piccoli villaggi specie di città giardino, prolungamento di una civiltà millenaria di contadini che già nel periodo Korio tenevano testa ai signori.

Abbiamo visto i pescherecci e l’attività di pesca lungo quella barriera tra mare e fiume che è la West Sea Barriage, e la meraviglia di un bozzetto con una scena di pesca mentre prende la forma di un dipinto all’interno del Mansudae Art Studio, una struttura laboratoriale imponente della capitale, che funge da laboratorio artistico statale.

Alla domanda che ho posto al pittore, se avesse assistito direttamente alla scena su cui stava lavorando, la risposta è stata che aveva passato una settimana sul peschereccio ed in effetti la forza espressiva del pesce sul ponte dell’imbarcazione, nel mentre venivano tirate su le reti, era lì a dimostrarlo ed è stata una piccola lezione di metodo d’osservazione della realtà, che la visita ad un altro studio di un pittore che lavorava su una tigre asiatica completerà, confermando ciò che avevamo potuto ammirare già nei prodotti delle arte figurative in vendita in cui avevo acquistato un dipinto raffigurante una statua di Chollima, mitica figura equestre della cultura coreana.

L’assenza di “rendita” e la pianificazione trasformano il paesaggio in un tutt’uno armonico, anche nei contesti metropolitani che regalano squarci avveniristici, dove nessun edificio è abbandonato a sé, ed in cui le città – come invece da noi – non sorgono attorno ad un “centro” ad uso e consumo delle classi medio alte, edificate su un centro che degrada ben presto in una periferia (immensa terra di nessuno) solcata da tratti viari congestionati, depositi di rifiuti la cui produzione indotta dall’iper-consumo è gestita da un ottica “non circolare”, e dall’urbanismo informale degli ultimi accanto a quartieri dormitorio lasciati all’incuria abbandonati a sé.

La nostra decadente “civiltà”, dopo il viaggio in Corea del Nord, per me ha assunto il profilo di una follia insopportabile, disvelando ancora più marcatamente il carattere distopico che caratterizza il nostro sistema di sviluppo. Vogliamo usare una metafora più smart: la nostra casa brucia, ad altre latitudini l’hanno capito meglio di noi ed il loro sistema economico pianificato gli permette di intervenire senza scontrarsi contro potenti lobby economiche, o quanto meno neutralizzandole.

Lì, dove non sono parchi sono campi o boschi, dove piccoli gruppi di capre s’intravedono andare ordinate in fila indiana, e dove sembra tutto costruito per rispondere ad un bisogno abitativo, ad edifici ad uso sociale – che siano per lo sviluppo culturale o per praticare lo sport -, oltre ad edifici ad uno amministrativo, per la maggior parte in particolare a Pyongyang, ed a sedi di stabilimenti come quello che abbiamo visitato in cui si imbottiglia un ottima acqua minerale che sgorga lì vicino.

Il paesaggio urbano colpisce perché non è dominato dall’automobile, le persone non camminano con gli occhi fissati sullo smartphone, entrambi beni di consumo il cui il possesso è limitato a chi ne necessita strettamente per lavoro; nei parchi le persone si ritrovano per pescare lungo i corsi d’acqua, dove i flussi del prezioso liquido giungono lavorati dalla fito-depurazione che trasforma gli scarichi fognari in acque pulite, a fare coreografie e praticare lo sport, semplicemente per stare insieme o a portare i bambini nei parchi…

L’attenzione alla cultura, intesa come sviluppo delle proprie capacità culturali e artistiche insieme alla pratica sportiva e l’attenzione all’educazione, in particolare dei bambini è impressionante. La visita da un dopo-scuola nella capitale che ospita 5.000 bambini ogni giorno, che possono praticare danza, suonare uno strumento o praticare le arti figurative, o la visita al Songdowon International Children’s Camp e alla Wonsan University of Agricolture ci rimanda immediatamente alla condizione dei coetanei in Italia e alla condizione dell’istruzione, ed in generale a cosa sia e che funzione abbia il sapere, dove tutto da noi è a pagamento e dove i genitori devono fare le collette o sviluppare forme di auto-finanziamento per permettere di svolgere l’attività didattica o garantire quel minimo ad una scuola per poter funzionare.

E vogliamo parlare della differenza tra una università pubblica e gratuita con un sistema sempre più fotocopia dei campus statunitensi dove un universitario si indebita “a vita” per compiere i propri studi, o dove un ricercatore che non ha possibilità di sbocco professionale in accademia deve andare all’esterno?

In metropolitana a Pyongyang ho visto bambini che studiavano con passione i propri appunti di matematica, persone che leggevano libri, una cosa sempre più rara alle nostre latitudini. Ho avuto l’impressione che la curiosità intellettuale venga stimolata come mezzo di crescita individuale e di miglioramento collettivo e che possa esprimersi attraverso una ampia gamma di possibilità in cui chi poi si dedica ad un impiego di concetto e responsabilità lo faccia con la coscienza che il suo contributo è prezioso quanto colui che pianta e raccoglie il riso a mano.

L’esercito svolge lavori civili, in questo tempo e per la storia che ha caratterizzato il Paese, l’esercito è il popolo in armi e il popolo in armi è l’esercito, a qualcuno farà storcere il naso, ma le immagini dell’esercito che spara sul proprio popolo in Cile dovrebbero far capire che la stessa istituzione può servire come una risorsa per la collettività così come essere semplicemente braccio armato del potere dell’oligarchia.

***

Dai finestrini, ma non solo, abbiamo osservato questo popolo laborioso che conduce una esistenza dignitosa e storicamente costretto ad affermare la sua sovranità prima contro la lunga dominazione giapponese, che ha caratterizzato gran parte della prima metà del secolo scorso; poi contro l’invasione statunitense (insieme alla Cina ed in parte all’Unione Sovietica) su risoluzione dell’ONU tra il ’50 e il ’53; e successivamente ha dovuto difenderla contro le pressioni degli stessi attori geo-politici che impongono una immagine della Corea degna della peggior propaganda di guerra.

Una caricatura che in Italia è una sintesi tra la stigmatizzazione negativa del comunismo, da DC degli anni ’50, e non dissimile dallo sguardo che il fascismo riservava ai popoli che aveva colonizzato di fatto disumanizzandoli, rappresentandoli come esseri inferiori ed arretrati, ma pronti ad accogliere la nostra superiore civiltà che li aiuta a “liberarsi” da un dispotico governo locale.

Una “induzione allo sguardo” che producendo lo stereotipo di un popolo bellicoso, agisce uno stravolgimento della realtà.

Il popolo coreano è costretto a difendersi dagli Stati Uniti che dalla loro “occupazione” del Sud alla fine della Seconda Guerra Mondiale non hanno mai abbandonato la Penisola, hanno pesantemente condizionato la politica della Corea del Sud – per usare un eufemismo – imponendo un sistema politico che non è stato proprio un campione della democrazia (anche usando criteri interpretativi liberali), e soprattutto ha costantemente impedito l’unificazione della Penisola e il ricongiungimento di questo popolo.

Allo stesso tempo il popolo coreano si difende da un Giappone che non ha mai smesso – ed oggi è palese – di coltivare i propri retaggi e sogni imperiali sull’Asia tutta – certo subordinatamente a Washington di cui è fedele alleato – e che si appresta attualmente a resettare la sua società e sviluppare il suo strumento militare – in specie marina ed aereonautica – in chiave bellicistica.

Una dominazione feroce, la deportazione di massa in Giappone di coreani divenuti schiavi nella macchina produttiva imperiale del Sol Levante, la riduzione in schiavitù sessuale di massa delle donne coreane divenute “comfort woman” per i soldati nipponici, nonché una feroce repressione dei partigiani coreani, sono alcuni dei tratti che hanno caratterizzato il “fascismo giapponese” e che sono ancora vivi nella memoria, grazie ad una politica – che a differenza delle nostre latitudini – non promuove il revisionismo storico e l’oblio della Lotta di Liberazione e che è un carattere identitario forte della Corea del Nord e della sua ragione d’essere. Da cui deriva tra l’altro la legittimità della leadership coreana fino ad oggi, impegnata a dirigere, come fu Kim Il Sung – contadino che a 14 anni decise di dedicare la sua esistenza così come fece la sua famiglia – alla lotta contro l’occupante nipponico.

E cosa dire della guerra di Corea, in cui i crimini di guerra statunitensi non sono stati inferiori a quelli perpetrati nei confronti del popolo vietnamita, con bombardamenti a tappeto che hanno distrutto praticamente tutto – i siti storici sono appunto tali dove è stato ricostruito quasi tutti dalle tombe di uno dei regnanti del periodo Korio al tempio buddista che abbiamo visitato -, alle stragi di civili, fino al probabilmente al primo esempio di “guerra batteriologica” con il bombardamento di insetti infettati!

Chi mai qui c’ha raccontato “il punto dei vista dei coreani” su quella che noi abbiamo potuto apprezzare nella visita al Victorius Fatherland Liberation War Museum, che ci ha regalato un incontro toccante, quello con uno dei militari coreani che ha partecipato al sequestro della nave spia americana “Pueblo” nel 1968, convertita lì in museo galleggiante.

Ecco pensate solo una cosa, questo è un popolo che prima di quello vietnamita è letteralmente vissuto sottoterra ed in montagna per sconfiggere lo “Zio Tom”, e la vita in questi tunnel sotterranei è minuziosamente ricostruita in questo museo che ricorda a tratti quello della “grande guerra patriottica” a Mosca.

E questi tre elementi, il periodo Korio durato circa 400 anni dal Nono Secolo al Tredicesimo, la guerra anti-giapponese e quella che chiamiamo guerra di Corea che sono i vettori identitari, in specie gli ultimi due, che compongono il cuore del senso d’appartenenza di un Paese che in condizioni non facili ha dovuto fare tendenzialmente da sé, ha scelto una strada diversa da quella intrapresa dal PCC dopo la morte di Mao, ha resistito alla fine del “blocco sovietico”, ed ora con una crisi mondiale che dura da dieci anni – in realtà dagli anni ’70 – può offrire numerosi spunti soprattutto a quei popoli del Tricontinente che vogliono affermare la loro indipendenza ed un percorso che li sganci dai propri protettorati neo-coloniali e resistere alle pressioni imperialistiche, quel “de-linking” di cui parlava Samir Amin.

La resistenza prima al Giappone poi agli States, e poi il tentativo di costruzione di una società su basi egualitarie che soddisfi i bisogni principali delle persone sono il collante ideologico dentro una cultura differente dalla nostra, con cui abbiamo difficoltà a rapportarci (la “codificazione” e la “ritualità” sono spesso espunte dalla nostra sfera culturale), ma che va compresa pena uno shock culturale che giudica prima di capire, e soprattutto che non è in grado di mettersi in discussione, di relativizzarsi, di non concepirsi se non come “superiore” e destino manifesto dell’umanità tutta.

Chissà perché la giusta critica allo sguardo eurocentrico e neo-coloniale non si esercita anche nei confronti della visione di questo Paese, della sua storia millenaria e del suo popolo che aspira all’unificazione?

Giustamente noi viviamo “nel migliore dei mondi possibili”, e venire a cercare di guardare con i propri occhi un Paese per certi versi culla della civiltà asiatica anche nei suoi prodotti maggiormente apprezzati dai “cultori dell’Oriente” è qualcosa di quasi risibile, al massimo tollerabile in chiave esotica o retaggio di una cultura politica “sconfitta” dalla storia dove persone soggette ad una strana forma di allucinazione vedono proiettato il “paradiso in terra”…

E uno si ritrova a dovere cercare di rendere intellegibile ciò che ha visto e vissuto, una rappresentazione che non ha “cittadinanza” se non perpetua gli stereotipi vomitati che ormai costituiscono quasi un genere letterario a sé e, se ti azzardi ad un minimo di curiosità e di onestà intellettuale, sei colpito da quella sorta di “sindrome di Dragonda”, come Marco Polo che racconta di un mondo che non può essere capito perché va oltre i parametri culturali dell’Occidente capitalista ombelico del mondo.

Appare paradossale ma nell’arco di tempo tra la partenza per la Corea del Nord e l’arrivo in Italia due fatti tendenzialmente ignorati dall’informazione mainstream hanno catturato la mia attenzione e si sono impressi nel mio immaginario, in certo modo collegati al viaggio.

Il primo è l’inizio dei processi negli Stati Uniti contro le case farmaceutiche che con le loro politiche di “marketing aggressivo” – per usare un eufemismo – hanno indotto al consumo di massa degli oppioidi, con il benestare di una parte rilevante del corpo dei medici divenuti “spacciatori”, facendo diventare le persone dipendenti prima generalmente dall’eroina e poi dal Fetanyl. Le stime parlano di 400.000 vittime, nel senso stretto di persone decedute!

in Italia abbiamo letto solo qualche trafiletto sui giornali, perché la nostra informazione è libera, naturalmente, di rimuovere il fatto che una parte dell’establishment economico statunitense – per la logica del profitto – ha scientificamente condannato a morte (o comunque procurato una dipendenza difficilmente guaribile e gestibile) milioni di persone, illudendole di poter alleviare il loro dolore e riservando loro un futuro da tossicodipendenti, disposti a procurarsi qualsiasi sostanza.

Non è questa una forma di dittatura, dove le esigenze del big business relegano l’esistenza delle persone a “nuda vita”, scarti da cui trarre profitto e nulla più, e che solo tardivamente è costretta a farsi carico di un sterminio quando la cosa ormai diviene ingestibile?

E un “regime” che assicura le garanzie sociali alle persone, anche se non rientra nei canoni formali della rappresentanza politica occidentali, cos’è?

Il secondo fatto è il crollo di Thomas Cook, una dei big dell’industria turistica, nonché la più vecchia agenzia di quel tipo anglosassone, quasi una istituzione, con conseguenze imponderabili visto che si trattava di una multinazionale: perdita di posti di lavoro, persone lasciate a terra negli aeroporti, gente che aveva anticipato i soldi del viaggio che rischia di non essere accolta negli alberghi prenotati, e vari soggetti della filiera turistica che impazziranno per avere i propri conti saldati, cosa che causerà altri perdite economiche, tagli di posti di lavoro, eccetera.

È stato davvero paradossale, di fronte al crollo di questa multinazionale del turismo – i cui i manager hanno incassato lauti stipendi, gli azionisti i propri dividendi, anche di fronte ad una situazione di indebitamento colossale tale da rendere impossibile qualsiasi piano di salvataggio anche dei big cinesi, che ha lasciato letteralmente i suoi dipendenti, i suoi clienti e la sua filiera con l’indotto “con il culo per terra” – chiedermi e chiederci conto della serietà del turismo in Corea del Nord. Dove abbiamo invece alloggiato in strutture meravigliose, accompagnati da guide professionali sempre pronte ad ascoltare e soddisfare le nostre richieste e a rispondere delle nostre domande, e che hanno dimostrato un grande senso di cura in un Paese in cui non si ha mai – MAI – la percezione di sicurezza precaria…

Impossibile “slegare” la mia vita quotidiana da un viaggio che ti scava dentro e non inserirla in un percorso di ricerca quotidiana di lettura della realtà, “come un decifratore di sciarade”, per parafrasare Pessoa.

Ringrazio i miei compagni e le mie compagne di viaggio e l’associazione “Le Magnolie” – viaggiare in Corea del Nord, perché ora una delle mie canzoni preferite (“Ma chi dice che non c’è”, di Gianfranco Manfredi), assume sfumature diverse…

IL PROSSIMO VIAGGIO

L’Associazione Le Magnolie promuove periodicamente un viaggio in Corea del Nord. Non siamo però un tour-operator, pertanto non forniamo servizi a pagamento. Quando noi partiamo, se volete venite con noi. Volete andare da soli? Vi aiutiamo a organizzare il vostro viaggio.  Siete una associazione o un gruppo di persone curiose di scoprire con i propri occhi la società nord-coreana? Vi forniamo informazioni, suggerimenti, contatti. Volete fare tutto da soli ma non sapete come fare per il visto coreano? Ve lo facciamo rilasciare in pochi giorni.

KODAK Digital Still Camera
Corea del Nord – tipico paesaggio montano ricoperto di lussureggiante vegetazione

VIAGGI GIA’ REALIZZATI 

04/14 Settembre 2018: partecipanti 2 –  7 notti Corea  / 2 notti Pechino

16/27 Giugno 2019: partecipanti 1 – 9 notti Corea 

06/19 Settembre 2019: partecipanti 11 – 7 notti Corea  / 4 notti Pechino 

11/18 Ottobre 2019: partecipanti 2 – 7 notti Corea


Turisti occidentali in corea del Nord
Cascate di Ullim – Distretto di Wonsan – Corea del Nord – Turisti occidentali affacciati da una terrazza panoramica

 

100_8707-1.jpg
Pyongyang – Corea del Nord – Giovani europei sulla terrazza della Biblioteca Nazionale – Settembre 2018


Monte Myohyang – Corea del Nord – turiste occidentali fanno hicking lungo una via attrezzata – Settembre 2017

 

Surfisti occidentali in Corea del Nord
Majon Beach – Distretto di Hamung – Corea del Nord – Surfisti australiani (foto tratta dal sito http://surfnorthkorea.com)

Contatti 🇰🇵🇮🇹

CONTATTA L’ASSOCIAZIONE LE MAGNOLIE

Potete scrivere qui per avere ulteriori informazioni sul turismo in Corea del Nord, sul paese in generale, sui prossimi viaggi che faremo.

 

 


   

ASSOCIAZIONE LE MAGNOLIE

Tel:  339/6098031

Email: info@lemagnolie.org

Sede Legale:  Via G. Taverna 76 ROMA                                 

  


 UTILIZZA QUESTO BANNER

PER FARCI CONOSCERE DOVE VUOI


       
               


Associazione Le Magnolie non è presente sui cosiddetti social networks; pertanto se apprezzate la nostra attività di promozione del turismo italiano in Corea del Nord e volete sostenerla, noi apprezzeremo il vostro… passa parola. Grazie.

 

Kodak digital – Lorenzo Sturiale ©